Treccia dolce con uvetta!

da | Dic 23, 2016 | in Evidenza (Home), IO IN CUCINA |

Meno due giorni a Natale, finalmente!

Oggi una treccia dolce di pan brioche con l’aggiunta di uvette.

Perfetta per la colazione in questi giorni di festa 🙂

 

Ingredienti:

350 g di farina manitoba

200 g di farina 00

100 g di zucchero

100 g di burro

2 uova intere medie

175 ml di latte tiepido

1 cubetto di lievito di birra fresco

1/2 cucchiaino di sale

Uvetta

Latte per spennellare

1 tuorlo per spennellare

Zucchero in granella

 

Intiepidite il latte in un pentolino, travasatelo in una ciotola con un cucchiaino di zucchero e il lievito di birra sbriciolato e fatelo sciogliere.

In un’altro recipiente capiente setacciate le farine con il sale.

Formate al centro una fontana e aggiungete lo zucchero, il burro ammorbidito a dadini, le uova leggermente sbattute ed iniziate a mescolare aggiungendo il latte con il lievito sciolto a filo.

Lavorate quindi l’impasto e lasciatelo lievitare coperto in una ciotola. Dovrà raddoppiare di dimensione.

Nel frattempo lasciate in ammollo con un po’ di acqua tiepida l’uvetta per una ventina di minuti per farla rapprendere. Strizzatela e fatela asciugare.

Tagliate l’impasto a porzioni piĂą o meno uguali e fatene due/tre palline, poi una alla volta stendetele con il mattarello abbastanza sottili.

Infarinate l’uvetta e setacciatela. Quindi inseritela all’interno degli impasti e sigillate i bordi.

Arrotolate i tre impasti come una treccia e ponetele su una teglia ricoperta di carta da forno.

Fate dei piccoli tagli in superficie con un coltello.

Spennellate con il latte e lasciate a lievitare nuovamente in forno spento per un’ora.

Terminato il tempo accendete il forno a 200°.

Sbattete il tuorlo con un po’ di latte e spennellate nuovamente. Completate con lo zucchero in granella per guarnire.

Infornate per circa 25 minuti, fino a doratura.

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 2001.